VIRGILIO ROSPIGLIOSI

Ultima Cena

headshot-placeholder-horizontal.jpg
 

 

Attenzione

alcune immagini potrebbero urtare la vostra sensibilita'

                                                                                                                                                                                                          

Nel corso della storia alcuni artisti per esprimere il concetto di amore spirituale, di estasi mistica o per rappresentare il contatto diretto e intimo tra Dio e gli esseri umani senza distinzioni, sono ricorsi a metafore terrene. In un primo tempo alcune opere vennero rifiutate dai committenti e dalla chiesa perché ritenute blasfeme. Altre suscitarono scaldalo, tuttavia successivamente comprese, rivalutate e oggi considerate opere fondamentali.

Opere a confronto:

  • Gian Lorenzo Bernini (1598-1680) “La Transverbazione di Santa Teresa D’Avila - 1652”

  • Michelangelo Merisi (1571-1610) “S.Matteo e l’Angelo  1 versione -1602 c.ca” e “La madonna dei pellegrini - 1604-1606”

  • Virgilio Rospigliosi (1967-) “Ultima Cena - I dodici apostoli in una reazione comune 1 fase 2 fase - 1998-2000


"Ultima Cena"  Installazione. Contenitore, 12 fili di ferro, frattaglie, vomito. 1998-2000 

“Ultima Cena - I dodici apostoli in una reazione comune 1 fase-2 fase - 1998-2000”. L’opera è un’installazione concettuale divisa in due fasi progettata nel 1998 e presentata nell’estate dell’anno 2000 in occasione di un’estemporanea della durata di quindici giorni presso il comune di Fosdinovo (Italia). 1 fase: La struttura consisteva in un contenitore nero con all’interno frattaglie di carne e vomito, al centro di uno spazio quadrato. E 12 fili di ferro rugginosi e tesi che avvolgevano la sua circonferenza, le cui estremità erano agganciate ai muri laterali. Infine un leggio, con note storico/scientifiche, posto sul retro del contenitore. Lo scopo era rappresentare la reazione al dolore psichico dei dodici apostoli in seguito alla notizia dell’imminente dipartita di Cristo.

Ultima cena. Installazione. Contenitore, dodici fili di ferro, frattaglie, vomito. 1998-2000

Rospigliosi come il Bernini in (Santa Teresa D’Avila) utilizza la metafora umana-concreta per esprimere uno stato psichico/spirituale, e come Caravaggio, che vestiva i Santi da contadini e prostitute (Dio è di tutti), rappresenta la reazione concreta a un dolore emotivo che ogni essere umano potrebbe provare durante la propria vita. 2 fase: la comunione del dolore attraverso l’olfatto. Nessuno dei presenti, e non soltanto coloro nelle immediate vicinanze, poteva evitare il contatto olfattivo proprio del processo di degenerazione biologica, condividendo fisicamente e metaforicamente, il dolore degli apostoli attraverso la “probabile” reazione fisiologica scatenata dal dolore emotivo.

Ultima cena. Installazione. Dettaglio. 1998-2000

Il crudo realismo dell’opera suscitò forti contrasti. Dopo qualche giorno dalla collocazione della struttura, alcuni prelati sostenuti dalle curie vescovili di La spezia e di Massa-Carrara invitarono l’artista e il comune del luogo a rimuoverla immediatamente perché considerata blasfema, disgustosa, oscena e offensiva nei confronti di Dio, della chiesa e dei suoi fedeli. Tutto ciò nonostante varie testimonianze; uno scritto dell’artista (con citazioni e riferimenti scientifici e storici) posto sul retro dell’opera che dichiarava lo scopo e il messaggio concreto del lavoro. L’intervento dello scrittore Giorgio Soavi che sostenne come l’azione dell’artista, priva di intento provocatorio, andasse aldilà del pregiudizio. E nonostante una conferenza attraverso la quale l’artista stesso spiegò nei dettagli che il significato era riconducibile ad una pura esternazione di amore.

L’installazione venne rimossa definitivamente.

Ultima cena. Installazione. Dettaglio. 1998-2000

Ultima cena. Installazione. Dettaglio. 1998-2000


Riferimenti Storici e Scientifici

capacidades-cognitivas-2.jpg
  • Riferimenti di Psicologia Fisiologica

L’intero atto del vomito è comandato da un centro nervoso situato nel bulbo. Il vomito è un atto riflesso, un sintomo la cui evoluzione dipende essenzialmente dalla causa, e può aversi in seguito ad emozioni violente, come commozione, eccitazione, impressione, trepidazione, turbamento. O ad influenze psichiche. Sensazioni di ansia dettata dal timore...

 
caravaggio.jpg
  • Riferimenti Storici 1 (Michelangelo Merisi - Caravaggio)

Michelangelo Merisi (Caravaggio 1571-1610) “S.Matteo e l’Angelo  1 versione -1602 c.ca”e“La madonna dei pellegrini - 1604-1606”. L’opera S.Matteo e l’angelo 1 versionevenne rifiutata perché definita indecorosa e volgare. Caravaggio piuttosto che rappresentare il Santo come un apostolo forte e vigoroso lo descrive come...

 
edsta-04.jpg
  • Riferimenti Storici 2 (Gian Lorenzo Bernini)

Gian Lorenzo Bernini(1598-1680)La Transverbazione di Santa Teresa D’Avila - 1652”. Meglio conosciuta come “L’Estasi di Santa Teresa”, descrive la comunione della Santa con Dio. Si tratta di un’unità concettuale che Bernini dispiegò in modo che ogni particolare acquisisse un senso nel suo...


Psicologia fisiologica - Bibligrafia