VIRGILIO ROSPIGLIOSI

Pittura Morta

(Art for the masses)

headshot-placeholder-horizontal.jpg

 

Pittura Morta (Art for the masses) è un progetto concettuale, performance e studio sociologico cominciato alla fine degli anni 90 e ancora attivo. Durante gli anni il progetto è stato divulgato attraverso vari pseudonimi. Ha coinvolto direttamente e indirettamente personaggi e intellettuali come il critico d’arte Philippe Daverio, Lo scrittore Umberto Eco, il musicista Lucio Dalla, la multinazionale Costa Crociere, il collezionista Italiano Luciano Baldeschi e galleria d’arte sia italiane che straniere. Rospigliosi fin dagli inizi si rende conto che l’arte contemporanea, nella maggior parte dei casi, è una forma di sensazionalismo privo di contenuto. E le sperimentazioni estetiche/filosofiche devono lasciare spazio alle produzioni seriali/monostilistiche amate dalla massa e dal mercato. Quindi inventa uno stile pittorico originale e riconoscibile, il cui scopo è quello di accompagnare la pittura alla sua inevitabile estinzione. Una performance dilatata nel tempo, con l’intento di corrompere consapevolmente l’intelletto e il gusto del fruitore, ipnotizzando la sua mente e il suo occhio mediante ciò che egli “vuole” riconoscere o non riconoscere come “Arte”.

La performance messa in atto dall'artista, è una presa in giro sarcastica nei confronti del mercato alimentato dall’arte. Di quel sistema “autoreferenziale” che continua ad utilizzarla quasi sempre solo ed esclusivamente come business. Banalizzando il suo originario concetto di purezza. Dunque, per Rospigliosi la produzione/creazione del dipinto diventa azione artigianale, modulo estetico di mistificazione e mercificazione. Non più espressione artistica. Al contrario, l’intenzionale programmazione di questo “big game”, consapevolmente confezionato per sedurre e corrompere il fruitore, diventa performance. Diventa l’opera d’Arte.



Funzionalità - Esplicativo 1


Dettaglio sulla manipolazione della fissità.

Interazione sonora concettuale con l’opera: “Crocifissione Profana”. Cm 29x25, acrilico su velluto, piercing in argento, scatola di legno, vetro e azione sonora. 2013 ©


Funzionalità - Esplicativo 2